Le Costellazioni Familiari e Sistemiche secondo Bert Hellinger

Trovare aiuto con le Costellazioni Familiari

Costellazioni-familiari_verona_bologna_trentoChe cosa sono le Costellazioni Familiari?

Le Costellazioni Familiari aiutano a risolvere blocchi e schemi ripetitivi che derivano da problemi familiari irrisolti. Ognuno di noi è inserito in una rete energetica che connette tutti i familiari, vivi e morti. Per questo motivo siamo in tutto e per tutto profondamente influenzati da ogni evento che accade in questa rete ed eventi passati irrisolti continuano a ripercuotersi su di noi attraverso le generazioni. Le cosiddette ‘malattie genetiche’ ne sono l’espressione più esteriore.

Che cosa della famiglia d’origine può avere un’influenza negativa sulla nostra vita?

Le Costellazioni sono nate negli anni 90′. Da lì la pratica ha dimostrato che esiste un’Ordine d’Amore con delle leggi naturali ben precise che governano il Sistema Familiare:

Se ad esempio qualcuno viene escluso, un’altro familiare ne prende il posto inconsapevolmente manifestando dei problemi. Può ad esempio sviluppare una malattia, delle dipendenze, assumere un comportamento disturbato o simile. Lo fa perché l’ordine naturale vuole che nessuno deve essere escluso e chi sta male volge lo sguardo con amore verso l’escluso in modo tale che gli altri lo guardino attraverso di lui nel tentativo che sia reintegrato.

Inoltre la famiglia è un sistema gerarchico dove vige una legge naturale per cui va rispettato e onorato chi è arrivato per primo:

I genitori rispetto ai figli

I primogeniti rispetto ai fratelli più giovani

I nonni rispetto ai genitori e ai nipoti

Se, ad esempio, una figlia ha comportamenti materni nei confronti della propria madre, allora l’ordine naturale è infranto e nascono dei problemi che persisteranno finché madre e figlia non restituiscono il giusto posto l’una all’altra: “Tu sei la grande.” “Tu sei la piccola.”

Sempre seguendo la regola del primo arrivato nascono problemi se i più piccoli vogliono salvare i grandi oppure imporre ai più grandi il loro volere.

 

I commenti sono chiusi