Cristallotecnica

Da millenni l’uomo utilizza Cristalli per guarire.

Come agiscono cristalli sul nostro organismo?

 

Per comprendere l’azione dei Cristalli sul nostro organismo, bisogna considerare le loro caratteristiche principali:

 

1 Cristalli sono dei condensatori di energie sottili

2 Cristalli sono programmabili

3 Cristalli attivano i Chakras

 

Un cristallo può assorbire, conservare, concentrare ed emettere energia.

Lo si può paragonare ad una batteria che può caricarsi di energia elettrica, conservarla e fornirla.

Persone con la vista sottile sviluppata possono scorgere all’interno del cristallo piccole scintille di luce. Questo è la coscienza del cristallo. Cristalli possiedono una forma molto primitiva di coscienza e  non possiedono la volontà.

Se ad un cristallo si ordina ad esempio: “Assorbi energia pranica!”, il cristallo esegue questo commando.

Quando si programmano cristalli per utilizzarli per scopi terapeutici, non bisogna dare troppi comandi alla volta. Bisogna essere chiaro e preciso nel fare richieste per ottenere buoni risultati.

 

Quando si mette un cristallo direttamente su un chakra, esso si attiva. S’ingrandisce, ruota più velocemente e possiede più energia. Insieme al chakra sul quale viene poggiato il cristallo si attivano anche altri chakra, soprattutto quelli inferiori. Anche i corpi aurici aumentano il loro spessore e la loro luminosità a contatto con un cristallo.

(Per fare questi esperimenti, utilizzate dei cristalli precedentemente purificati alcune ore in acqua e sale).

 

Per il fatto che cristalli tendono ad attivare maggiormente i chakras inferiori, ci sono alcune controindicazioni:

 

Quando non conviene utilizzare dei cristalli

  • problemi cardiovascolari: persone cardiopatiche non dovrebbero ne portare cristalli, ne circondarsi di cristalli grandi. Cristalli potrebbero aumentare la gravità della cardiopatia. La stessa controindicazione vale anche per chi ha la leucemia.
  • cancro, tumori: in queste persone il primo Chakra, il Meng-Mein e il Plesso-Solare sono già iperattivi. Se si aumenta l’attività di questi centri energetici potrebbe velocizzarsi la proliferazione delle cellule tumorali.
  • ipertensione: L’ipertensione potrebbe rinforzarsi o diventare difficile da controllare. Non circondarsi di cristalli e non portarli addosso. E’ consigliabile di occuparsi prima dell’ipertensione e poi dedicarsi alla cura con i cristalli.
  • anche per persone non equilibrate a livello psichico e mentale non conviene indossare cristalli.
  • donne incinte hanno un’attivazione particolare dei chakra inferiori. Aumentare ulteriormente questa iperattività energetica può provocare ipertensione e problemi di parto. Donne incinte inoltre, non dovrebbero esporsi alle vibrazioni di cristalli non puliti energeticamente, perché loro e il bambino nel grembo sono più ricettiveie vulnerabili nei confronti di queste vibrazioni.
  • chi pratica meditazione avanzata e soffre di insonnia o affaticamento o dolori in più punti del corpo o ipertensione o vampate può provare di eliminare la presenza di cristalli per vedere se sta meglio.

Come pulire Cristalli?

Ogni volta si tocca o si lavora con un cristallo, egli assorbe e trasmette energie.

Questa energia può essere pulita o sporca. Utilizzare un cristallo sporco e come bere il tè da una tazza sporca.

Ogni volta che una persona tocca o usa un cristallo, questa persona trasmette al cristallo le sue caratteristiche. Una parte delle energie si trasferiscono già dai lavoratori che li ricavano nelle miniere e da ogni persona che entra in contatto con i cristalli. Questo processo si chiama “imprinting psichico”.

Se ad esempio una persona pessimista o arrabbiata tiene il cristallo tra le mani, queste energie negative si trasferiscono sul cristallo.

Allo stesso modo vi si impregnano le energie positive di un ottimista.

Ugualmente da dove viene il vostro cristallo, prima di utilizzarlo bisogna che lo purificate da vecchie energie e programmi psichici.

 

Ci sono diversi metodi per purificare cristalli.

Idealmente si deposita il cristallo una notte in acqua e sale (1 litro e un pugno di sale). Date il comando: Espelli tutte le negatività, purificati!

L’acqua assorbe l’energia negativa e il sale la discioglie.

Il giorno dopo lo si sciacqua abbondantemente in acqua fredda e idealmente lo si fa passare il cristallo in fumigazioni di resina, come olibano, mirra o storace.

Quando avete fretta potete anche lavare il cristallo in acqua e sale, pulendolo 2-3  minuti con l’intenzione di liberarlo da energie sporche. Anche in questo caso utilizzate il comando.

Per eliminare dei programmi psichici si inonda il cristallo di luce violetto chiaro che si emette dai palmi delle mani. In questo modo si eliminano anche energie sporche.

I commenti sono chiusi